La Pupa e il Secchione 2021

In questi periodi dove, in Inghilterra, ancora non si può incontrare nessuno, mi dedico molto ad attività secondarie, tipo comprare case, sfornare focacce e pizze (una dieta equilibrata) e vedere streamer. Gli streamer mi danno un pò quel senso di chiaccherata tra amici che manca (ok ok, le videochiamate, i messaggi, ma col tempo anche l’interazione vera va un pò a farsi fottere se il meglio che ti succede da un anno a questa parte è lavorare).

Viene da sè che vedere uno streamer giocare non fa per me, a meno che non si parli di giochini pilotati da una conversazione tipo Among Us o Gartic Phone. Inoltre anche nelle live in cui si chiacchera, alcuni streamer vanno o troppo sul personale, o troppo sul mondo stesso della loro piattaforma (in genere Twitch), mondo che non conosco. Ho quindi iniziato a sostenere (col mio abbonamento mensile gratuito dato dal Prime di Amazon) la streamer CiaoMia, e sono finito a vedere cose di cui prima mi sarei vergognato come La Pupa e il secchione o La caserma o Il Collegio.
E proprio de La pupa e il secchione che è finito la scorsa settimana, vi voglio parlare.

Molti han dimenticato che La pupa e il secchione ha origini “ancestrali“: la prima versione è datata 2006 (copiata da un format americano, Beauty and the Geek), non aveva il “viceversa“, era un esperimento sociale non solo per i concorrenti, ma anche per il conduttore di allora, Enrico Papi, il cui esperimento consisteva nel vedere se un conduttore di merda poteva condurre una trasmissione di merda e non farla chiudere per carenza di pubblico (lo stesso esperimento con Sgarbi aveva dato un esito scientificamente più plausibile). Il tema de La pupa e il secchione è semplice: metti assieme una persona bellissima ma culturalmente al pari di un babbuino con un imbranato che ha passato la maggior parte della sua vita immerso nella cultura, fai fare loro prove a caso, li fai vivere assieme e guardi cosa succede. Per quanto il format sembri inutile come la merda su un ghiacciaio, a salvare la prima serie di questo programma furono due cose: la Gialappas Band con Mai dire reality (vado a memoria) e Monti, un concorrente che era un mix perfetto per diventare un meme vivente.

Di quell’edizione rimangono pochi frammenti qui e là, vi consiglio di seguire questo link per avere un’idea, mentre vi lascio il seguente tweet perchè l’unica cosa condivisibile che ho trovato.

Erano altri tempi. La Pupa e il secchione era in un’era dove il politically correct non ci rompeva i coglioni (ora han dovuto mettere il e viceversa per par condicio, perchè anche le donne possono essere secchione), dove i vincitori portavano a casa un montepremi (200.000 euro o 1.8Kg di gettoni d’oro), e ammetto che vincere la lotta al femminismo avendo anche donne secchione però mandarle in un programma che è a livello di schiavismo, 6 settimane di programma per 20.000 euro, 10.000 a testa, sarebbero pochi anche se fossero stati 6 giorni di gioco: se fosse durato 6 giorni e contassimo solo 12 ore di riprese, sarebbero 138 euro a testa all’ora. Se sono stati lì davvero 6 settimane diventa 19 euro all’ora. Solo i vincitori. A RACCOGLIERE POMODORI!!! Ok, ok, la visibilità, le comparsate… ma quanti soldi ci ha fatto la rete?

Comunque, quello su cui volevo soffermarmi è: cosa ci vuole insegnare questo reality? Beh, nelle prime serie c’era di sicuro una componente di bullismo nei confronti sia delle pupe, ignoranti come la merda, sia dei secchioni, goffi da far pietà. Dentro a volte c’erano dei “fake secchioni“, personaggi che avevano una cultura media, ma erano un pò più piacenti, e finivano per accoppiarsi. In questa edizione c’è stato Guidi e Stephanie: non si sono accoppiati ma stavano assieme dopo 10 minuti della prima puntata. Lui fake secchione, lei fake pupa. Sicuramente nelle due ultime edizioni, quelle a budget da schiavismo, lo spettacolo era più corretto, niente bullismo, solo competizioni e pari opportunità. A salvare lo show, almeno in questa stagione, è stata la personalità di alcune persone, come Miryea, ignorante come una capra (a parte nella prova finale) che viveva in un mondo suo (è la bionda del video seguente)

Tra l’altro, mentre cercavo Miryea, youtube mi ha suggerito questo video che potrebbe essere lei, e ve lo voglio condividere:

La parte invece più profonda del programma è l’attaccamento che si crea tra persone, con stili di vita anche estremamente differenti, quando li costringi a vivere assieme e a condividere gli stessi spazi per un periodo di tempo abbastanza prolungato.
Ho sperimentato questo anche sul mio corpo: nel 2007 sono andato per due settimane a un corso di dottorato a Bertinoro, vicino Forlì, ed è successo di tutto (non solo a me): si sono instaurati rapporti forti, addirittura storie di anni si sono incrinate, spezzate, si sono create coppie che han portato a famiglie, è successo la qualunque. Noi non avevamo le telecamere, ma loro avevano 6 settimane.

Ovviamente c’è stato un pò di show: il concorrente De Santis (secchione) che fa la serenata alla concorrente Orazi (secchiona), il pupo Manuel che fa cose con Miryea, ma anche cose positive, come la Orazi che, entrata timida e riservata come la merda, finisce a togliersi il reggiseno durante una prova, o la crescita del pupo Gianluca sempre con la Orazi, o l’attaccamento di Miryea al suo secchione, che viene fuori soprattutto all’ultima puntata.

Insomma, come giudizio finale la trasmissione rimane una merda, ma vederla commentata in live e poter interagire con la streamer rende la cosa più accettabile. Manca il commento della Gialappas, quello sarebbe stato il top, ma i legami umani rimangono comunque una cosa bella da vedersi… soprattutto di questi tempi.
Stay tuned!

Questa voce è stata pubblicata in Live Streaming, Trash d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *